I soldi del piano Marshall

c8d93923d9feaa981d65daf5adf0961e_XL I soldi del piano Marshall

di Lucia Di Mauro

Napoli 03 settembre 2016

Siamo alla fine dell’ultima guerra. Tutto è distrutto. Tutto è da ricostruire. La volontà di espansione del sistema economico americano porta in Europa e in Italia i soldi del piano Marshall. Lo stivaletto italico, tanto mal rattoppato dai savoiardi, ha, così, l’occasione diripartire da zero e costruire l’unità su basi di eguaglianza per tutte le zone del paese. Ma la scelta è quella di sempre dal 1861, è scelta di disparità, diasservimento di una parte della nazione allo sviluppo dell’altra. Il sistema produttivo del sud è completamente annientato, quello del nord, invece, conserva ancora qualcosa. «Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.» scriveva don Milani ed anche in questo caso si decidedi perpetuare l’ingiustizia: i soldi vadano immessi nel sistema produttivo del nord perché il sud è troppo devastato. Dunque le risorse che erano un risarcimento proprio per quei territori maggiormente saccheggiati dalla guerra e che quindi erano destinati alla ricostruzione del sud, vengono date a quella parte del paese che ne ha meno necessità. Come conseguenza di tali scelte nascerà l’emigrazione interna dal sud al nord, che sarà, per la nostra gente, ancora più umiliante di quella generatasi nel periodo post risorgimentale.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate